Come conservare le erbe aromatiche

In questo periodo possiamo ancora cogliere e conservare in vari modi le nostre erbe aromatiche per insaporire le nostre pietanze durante l’inverno.
Il miglior modo per l’essicazione è di fare dei mazzi e appendere le erbe mettendole in un luogo areato e lontano dal sole diretto. Se si tratta di lavanda, finocchio selvatico o altre erbe dove semi e fiori preziosi possono cadere avvolgeteli in un telo di cotone (un vecchio lenzuolo funziona benissimo), quando saranno essicate basta sbatterle così i semi e fiori cadranno da soli nel telo per il facile raccolto.

Ognuno può poi mischiare le erbe per creare delle mischele personalizzate trittandole finemente e tenendole in barattoli, saranno anche ottimi pensierini di Natale per amici e parenti.
Alcune erbe sono ottime per insaporire olio o aceto basterà tenerle in bottiglie per alcuni mesi.

Altre possono essere usate sia fresche che essicate per ottime tisane come il finocchio selvatico, la menta, ma anche la lavanda, il rosmarino, la camomilla ed ancora tante altre sono ottime per un uso quotidiano.
Inoltre con l’arrivo delle mele si può fare marmellate con mele ed erbe per insaporire carni e pesce.

Per le aromatiche fresche come il basilico si può conservare facendo il pesto, si possono congelare le foglie una ad una avvolte in carta stagnola, ma anche sott’olio chiusi in vasi con sale grosso e olio di oliva ideali per insalate invernali. (Il colore si scurisce leggermente ma il sapore rimane fresco).

Per tutte le atre aromatiche fresche (basilico, prezzemolo, erba cipollina…) pottete lavarli tagliarli e metterli con poca acqua nei contenitori dei cubetti di ghiacicio, appena congelati potete trasferirli in comodi sacchettini pronti all’uso in cucina.

Buon raccolto a tutti!

Emma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *