La raccolta dell’ oliva – Olive picking

A novembre, qui in Umbria, si coglie l’ oliva.
Il metodo che adottiamo, è con i teli stesi a terra. Qui si raccoglie a mano e da qualche anno abbiamo anche una macchinetta per cogliere le cime più alte.
Dopo averla raccolta e messa dentro alle casse , la scegliamo con un attrezzo costruito dal bisnonno della nostra famiglia. L’ oliva pulita da foglie e rametti viene rimessa nelle casse e portata al mulino dove, dopo alcuni giorni riprendiamo il nostro olio dorato.

Una volta i contadini di una zona passavano circa due o tre mesi a cogliere l’oliva tutti insieme, andavano da una casa all’altra e cosi tutti lavoravano per tutti.                                                                                              Oggi vediamo alcuni signori anziani che vanno a cogliere dividendo a fine giornata (o periodo di lavoro) il raccolto. La cosa strana è che i giovani non hanno capito che se dedicano i loro fine settimana alla raccolta dell’oliva possono avere olio gratuito magari per tutto l’anno. Certo è un lavoro fisico ma vi assicuro che dà molta soddisfazione, si crea un gruppo, si chiaccherà, si stà fuori a godere le ultime belle giornate dell’autunno.
Amo sentire i racconti dei vecchi mentre cogliamo, mi piace la collaborazione ma anche le discussioni quando si spostano i teli ognuno ha la propria teoria su come metterli. Noi siamo fortunati una nostra zia era sarta, si vede che capisce meglio le proporzioni, è la più brava a metterli!
Insomma viva l’olio nuovo e buona bruschetta a tutti!

Emma

         
In November, here in Umbria region, we pick olives for oil production. The method we adopt is by simply placing nets on the ground. Here we hand pick the olives and we have had a machine to help out for the top of the trees. After picking it and placed in boxes, we actually clean it from leaves and small branches with a hand made tool made from the families great grandfather. The cleaned up olives can now be taken to the oil mill, which gives us back our gholden oil a few days after processing  it.

Farmers use to help each other out for two oe three months to pick olives all together, they went from one house to the next so that all had and offered help.                                                                          Now days we can still see the older generation working to pick olives in other people’s properties and dividing the daily harvest. The strange thing is that  the younger generation doesn’t do it, they don’t understand the importance of chipping in (even if only at weekends) so to give the possibility to have free olive oil maybe year round. Off course it is a physical job but I can assure you that it gives great sadisfactions, it creates a group feeling, one chats and you can enjoy the last nice days of autumn.
I love to hear the stories of the old people qwhile we pick, I like the collaboration which comes from group work but also the arguments for the net placement under the trees (which need to be moved around). We are actually lucky as we have an aunt who was a dressmaker, I guess she understands fabric proportions as she is the best to move the nets around!

Well what else to say but happy bruschetta with newly squeezed olive oil to you all!

4 thoughts on “La raccolta dell’ oliva – Olive picking”

  1. Nirvana ha detto:

    Che bel post, davvero… Ti invidio la raccolta delle olive… Quand’ero bambina, anch’io partecipavo ai vari lavori nei campi (vendemmia, grano, granturco e orto) e mi mancano proprio quei bei momenti. Grazie per avermeli fatti rivivere. Un abbraccio.

  2. naturalmentefelici ha detto:

    Grazie a te Nirvana che ci leggi . Emma:)

  3. Eleonora ha detto:

    Ma anche i non umbri sono accetti a dare una mano nel fine settimana? 😀 A me piacerebbe ma non abito in Umbria. Purtroppo.

  4. naturalmentefelici ha detto:

    Grazie Eleonora terrò in mente la tua offerta 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *