Il mio primo attacco! – My first attack!

Finalmente ci sono riuscita, oggi ho fatto il mio primo attacco di Guerrilla Gardening! Avevamo già segnalato la giornata dedicata ai girasoli in città!

Ho finalmente trovato un’amica per ripulire e abbellire un angolino della nostra città. L’idea è ovviamente di farne molti e di creare un bel gruppo che curi alcuni angoli, aree piccole o grandi in città.
Ci siamo attrezzate con guanti, zappetta, appoggia ginocchia, terriccio, acqua e piantine (quasi tutte prese dai nostri giardini) infatti abbiamo fatto un angolo con aromatiche! E abbiamo fatto un cartello stupendo! (grazie Luisa :))
                                                                                 



Guerrilla Gardening è un gruppo aperto a tutti, un gruppo di appassionati del verde che ha deciso di interagire positivamente con lo spazio urbano attraverso piccoli atti dimostrativi, quelli che noi chiamiamo “attacchi” verdi. Guerrilla Gardening si oppone attivamente al degrado urbano agendo contro l’incuria delle aree verdi. L’attività principale del gruppo è quella di rimodellare ed abbellire, con piante e fiori, le aiuole e le zone dimesse o dimenticate della città. Il movimento è nato in Italia nel 2006 grazie ad un gruppo di giovani milanesi, fondatori di GuerrillaGardening.it, che ancora oggi segue e consiglia i gruppi indipendenti sparsi in tutta Italia. La popolazione cittadina risponde bene, alcune aziende di giardinaggio ci aiutano con consigli e donandoci piante e materiali pro-causa, altri si limitano ad applaudire e ad apprezzare le nostre azioni. Ogni giorno nuovi “guerriglieri” si aggiungono alla nostra causa, per trasformare e riappropriarsi degli sterili ed impersonali spazi comuni cittadini. Nuovi gruppi stanno nascendo in tutte le grandi città. Anche tu puoi diventare un Guerrilla-Gardener: documenta un attacco e inviaci le fotografie, verrai segnalato sul nostro sito web!
Trovate pure dei gruppi già esistenti nel sito Italiano!
                                                 
I finally managed to do my first Guerrilla Gardening “attack” in my town. A few months ago we had already talked about Sunflower day .
I finally found a friend who wants to work towards making our town look nicer and cleaner. The idea is to organze many “attacks”, in small areas, roundabouts,  and to find many more people who wish to help us.
We got organized with gloves, knee pad, a hoe, soil, water and plants (we got most of our plants from our gardens) as we planted herbs in our corner! And we then placed a great board! (thank you Luisa :)) 
You can find all the “rules” and existing groups on the website.

www.guerrillagardening.org


9 thoughts on “Il mio primo attacco! – My first attack!”

  1. giuieta ha detto:

    BRAVE!!!! fateci sapere come procede!

  2. Unknown ha detto:

    Io credo che sia un’iniziativa bellissima ed ammirevole ma mi sorge una domanda???
    Non ci saranno sempre i vandali che la distruggeranno??? Sarò pessimista ma io ho poca fiducia, soprattutto nella civiltà degli italiani…
    Magari non sarà così e lo spero tanto,è giusto comunque provarci, ma questa cosa mi deprime tanto.
    Avevo proposto al mio condominio di fare un piccolo orto condiviso nel cortile e a sapete cosa mi hanno risposto? E quanto durerà???

    1. naturalmentefelici ha detto:

      Se nessuno ci prova non si saprà mai! Mentre ci divertivamo sono pasasti alcuni commercianti e passanti ed erono felici. Noi abbiamo chiesto se potevono aiutare ad annaffiare durante l’estate e hanno detto di sì! Anche loro hanno commentato…”speriamo che…!” ma poi hanno sempre finito con “Brave!”
      Non abbiamo mai nessuna sicurezza su nulla ma magari diventa contagioso …cerchiamo di cambiare le cose in positivo! Poi magari lì viene distrutto e in altre zone viene apprezzato…c’é solo da rimboccarsi le maniche e provare! Emma:)

  3. UnNickname ha detto:

    Ciao, è un’iniziativa molto carina 🙂
    Diciamo che però la prima cosa che mi è venuta in mente è che le erbe aromatiche sono destinate a durare poco: la tentazione a strapparne qualche foglia è davvero troppo forte e io per prima non so se resisterei!

    1. naturalmentefelici ha detto:

      se si prendono alcune foglie non ci sono problemi, l’importante è lasciare la pianta! Poi è collocata in una zona dove c’é molto traffico periò non credo che prenderanno nulla…troppe polveri sottili! Però ora è bello e pulito! Questa mattina sentivo dei bei commenti e la gente sorrideva, cosa bella di lunedi mattina!:)

  4. Iaia ha detto:

    Bellissima iniziativa! BRAVEEEE!!!!
    Iaia.

  5. Siete state bravissime, avanti con fiducia e speranza!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *