Eliminiamo la carta da cucina

Non possiamo parlare di rifiuti zero senza nominare la carta da cucina. Molti l’adorano, comprano quei rotoloni senza pensare agli effetti sull’ambiente. Un pezzo di carta per pulire le mani, per pulire il banco della cucina, oppure per assorbire l’olio del fritto o soffiare il naso….insomma questa carta sembra veramente indispensabile!
Ma siamo sicuri di non poterla sostituire con qualcosa di meno inquinante?

La produzione della carta da cucina impiega alberi, inchiostri, sbiancanti, petrolio e ancora petrolio per la plastica che lo avvolge….insomma proviamo ad eliminarla!

  • A Tavola: sono anni ormai che usiamo tovaglioli di stoffa, è vero che bisogna lavarli ma c’é sempre un posticino in lavatrice per aggiungerli, perciò non ho notato un aumento di costi del lavaggio.
  •  In cucina:Per pulire la cucina uso delle spugne o dei trofinacci lavabili in microfibra, vengono usati e lavati continuamente e non si rovanino mai, perciò sono un ottimo investimento perche durano tantissimo!

ARTICOLO CORRELATO: Viva l’aceto

-Se vi serve di asciugare qualcosa di bagnato, usate uno strofinaccio di stoffa, noi, ne usiamo moltissimi.
-Per asciugare l’olio in eccesso della frittura, usate la carta delle buste del pane, sono ottimi per questo lavoro.
-Se vi serve filtrare qualcosa usate della mussola di cotone funziona benissimo e poi lavatela.

  • Per il naso: beh, investite in fazzoletti di stoffa, io l’ho fatto e le bimbe sono molto felici, dicono che il loro naso non è irritato come quando usano quelli di carta. Quando sono sporchi, li butto nella lavatrice e vengono fuori pulitissimi, basta stendeli bene e piegarli.
  • Per pulire in casa: è semplice usate strofinacci, magari ricavati da vecchi indumenti, spugne, vecchi asciugamani funzionano benissimo per pulire ogni angolo di casa anche per specchi e finestre.

Perciò consiglio a tutti di usare molti strofinacci per pulire, non serve sempre un grande investimento, basta ritagliare la stoffa da vecchie t-shirt, camicie, asciugamani, lenzuola o tovaglie.

8 thoughts on “Eliminiamo la carta da cucina”

  1. Mammatrafficona ha detto:

    Anch’io uso strofinacci e tovaglioli di stoffa, ma avendo un bimbo di 18 mesi che quando mangia riduce seggiolone e pavimento che non vi dico, non riesco a eliminare del tutto la carta da cucina… Anche se onestamente un rotolo mi basta per parecchi mesi, visto che lo uso solo per questo motivo.

    1. naturalmentefelici ha detto:

      Io usavo una spugna umida per pulire il seggiolone o il tavolo quando le bimbe erano piccole. Pravo che funzioan benissimo! 🙂

  2. Pe ha detto:

    Noi downshifter andiamo a cercare tutte le idee più eco possibili e poi ci dimentichiamo di quelle più semplici. Appena finirà il mio maxi rotolo non ci sarà più spazio per la carta da cucina in casa!

  3. Tatina ha detto:

    anch’io uso da qualche mese i tovaglioli di stoffa e i fazzoletti di stoffa… me li sono fatti dare da mia mamma … un tempo si usava metterli nel corredo… sono un ottimo investimento… e mi piace l’idea che sono usciti fuori dai cassetti per essere usati e riusati da noi….

  4. Chiara e Paolo ha detto:

    Quella che non riesco proprio ad eliminare è la carta da forno!!!! 🙁

  5. lalla ha detto:

    mi sapete dire dove avete trovato dei fazzoletti di stoffa? io non li trovo da nessuna parte!

  6. grillosparlante ha detto:

    pienamente d’accordo su tutto tranne che sui fazzolettini di carta. io ho usato per 30 anni quelli di stoffa ritrovandomi sempre con un naso irritatissimo, da quando uso quelli di carta non più (ad esclusione di quelli profumati o trattati)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *