L’insostenibile leggerezza del prezzo

L’insostenibile leggerezza del prezzo è un reality, in onda su RAI5, che mette a dura prova le comode certezze di giovani consumatori e svela i meccanismi feroci di “sangue e sudore” che sono alla base di molti prodotti provenienti dai paesi che producono a buon mercato.
Ci sono due serie, una riguarda il mondo della moda e l’altra riguarda il cibo. Sei ragazzi inglesi, vengono mandati a scoprire la verità sulla scomoda provenienza e sui costi reali della produzione di capi di abbigliamento a buon mercato e del cibo, di cui sono appassionati consumatori. Per questo si trasferiscono in India e provano sulla loro pelle la fatica dei laboratori clandestini, trascorrendo 15 ore al giorno con i locali, per produrre a tempo di record migliaia di articoli di abbigliamento destinati alle catene delle principali città del mondo occidentale.
Il secondo gruppo segue la filiera del cibo dall’allevamento dei gamberetti e altri cibi fino alla trasformazione fino all’invio in Inghilterra. 
Sapere da dove vengono i nostri vestiti o da dove realmente viene il nostro cibo ci fa diventare dei consumatori molto più critici e consapevoli magari ci fa capire che la necessità di tornare ad un economia locale sia necessaria per tutti!  

Potete vedere le puntate da internet.

Emma

This post is about a reality show on Italian TV about a group of young British people who are following the reality of where apparel and food comes from. (I haven’t found teh name of the reality in english to post the link for you). 
These young people are sent to third world countries where they discover the reality of where and how the products take place.
Being aware of where things and food comes from makes us become better consumers and makes us think more about local economy.

3 thoughts on “L’insostenibile leggerezza del prezzo”

  1. Annì ha detto:

    interessante… grazie per la segnalazione!

  2. Marì ha detto:

    ti ringrazio anche io per la segnalazione! mi sembra di aver visto qualcosa di simile, ho dei ricordi molto vaghi. appena ho una linea decente, vedrò il video 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *