The age of stupid

Riprendiamo la rubrica con il documentario del sabato con il documentario The Age of Stupid…forse saremo chiamati proprio così dalle future generazioni…l’Eta dei stupidi!
Potete scaricarlo da qui 

                                  Locandina italiana The Age of Stupid

Nel 2055 la Terra appare devastata. I cambiamenti climatici hanno scatenato ogni genere di violento fenomeno atmosferico e hanno condannato tutte le più importanti capitali mondiali e le loro popolazioni. Dall’alto di un’imponente torre situata su quel che resta della calotta artica, un uomo che ha costruito un immenso archivio della storia artistica e culturale dell’umanità, si domanda di fronte ad un database di vecchi filmati e interviste raccolte cinquant’anni prima: “Avremmo potuto evitarlo?”
Il linguaggio delle campagne di sensibilizzazione ha scoperto con un certo ritardo la componente suggestiva e spettacolare del cinema. Se prima calcava principalmente sulla forza del messaggio o sulle potenzialità estetiche del medium, da qualche tempo preferisce concentrarsi sul modello high concept del cinema hollywoodiano, quindi meno sullo shock che sulla familiarità e sul dinamismo della rappresentazione. All’incrocio ideale fra pedagogia e intrattenimento, fra Una scomoda verità e The Day After Tomorrow, si colloca la docu-fiction The Age of Stupid.


The Age of Stupid is a 90-minute docu-film about climate change, set in the future. Oscar-nominated Pete Postlethwaite (In The Name of the Father, Brassed Off) stars as a man living alone in the devasted world of 2055, looking back at “archive” footage from 2007 and asking: why didn’t we stop climate change when we had the chance?
It is similar di an Inconvenient truth .

Emma

2 thoughts on “The age of stupid”

  1. Danda ha detto:

    L’ho visto alcuni anni fa, è molto interessante e soprattutto fa riflettere moltissimo!

  2. Enjoy Life ha detto:

    Grazie, lo guarderò!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *